PASQUA IN MUSEO A MILANO

PASQUA IN MUSEO A MILANO

In questo ponte di Pasqua, Milano offre diverse nuove esposizioni artistiche.
Umberto Boccioni (1882 – 1916). Genio e memoria, a Palazzo Reale, celebra l’artista futurista con un percorso sulle fonti visive che hanno contribuito alla sua formazione e all’evoluzione del suo stile nel centenario della morte.

PASQUA IN MUSEO A MILANO
Umberto Boccioni

Sempre a Palazzo Reale la mostra n.2050. Breve storia del futuro, che prende il titolo dall’omonimo libro di Jacques Attali, percorre le tematiche illustrate nel saggio, in otto stazioni e attraverso circa 50 opere di artisti contemporanei internazionali.
Per tutte le informazioni sulle due mostre, clicca qui

PASQUA IN MUSEO A MILANO
Little Sun IN 2 MINUTES

Al Mudec, invece, appuntamento con Joan Mirò. Una retrospettiva che propone un’ampia selezione di opere realizzate tra il 1931 e il 1981, provenienti dalla collezione della Fundació Joan Miró di Barcellona e da quella della famiglia dell’artista.

Sempre al Mudec continua Italiani sull’Oceano. Storie di artisti nel Brasile moderno e indigeno alla metà del ‘900, la mostra che esplora le relazioni artistiche italo-brasiliane nel corso del XX secolo.
Per tutte le informazioni, visita il sito del Mudec.

Durante il fine settimana rimarranno aperti anche tutti Musei civici milanesi:

i Musei del Castello Sforzesco, Museo del Risorgimento, Palazzo Morando, GAM Galleria d’Arte Moderna, Museo Archeologico, Museo di Storia Naturale, Acquario e Museo Messina, con orario di apertura dalle 9.00 alle 17.30.

Orari diversi per la Casa Museo Boschi Di Stefano e per la Cripta di San Giovanni in Conca, che saranno aperti dalle 9.30 alle 17.30 e per il Museo del Novecento, aperto dalle 9.00 alle 19.30. Lunedì 28 marzo, invece, sarà aperto solo il Museo del Novecento, dalle 14.30 alle 19.30.

Tutte le informazioni sui musei e le mostre in programma le trovi qui.

 

PASQUA IN MUSEO A MILANO
scultore georgiano Vazha Mikaberidze, ovvero Prasto

L’uovo, simbolo di vita che nasce, di continuità e di mistero. La sua forma ancestrale ha percorso millenni tra le civiltà della Terra offrendo insostituibili fonti di ispirazione ad artisti e pensatori. Nell’iconografia pagana è simbolo di fertilità, una festa della primavera, della rinascita, mentre nell’iconografia cristiana l’uovo si fa simbolo diretto della resurrezione. In ogni caso la sua forma armoniosa ha conquistato la riflessione artistica, con soluzioni diverse ed originali da Piero della Francesca a Salvador Dalì.

Le uova artistiche di Milano

Lascia un commento

error: Contenuto protetto !!