TUTTO INIZIO’ TANTO TANTO TEMPO FA

TUTTO INIZIO' TANTO TANTO TEMPO FA

TUTTO INIZIO’ TANTO TANTO TEMPO FA

Tutto iniziò tanto tanto tanto tempo fa, quando durante una notte tempestosa arrivarono a cavallo dei crociati alla nostra umile dimora a Tivoli, in mezzo alle campagne.

Io e mio fratello, forti e grandi, accogliemmo questi messaggeri. Provati dal tempo e dalle battaglie, chiesero a noi umili contadini, mostrandoci i sigilli papali, se saremmo voluti essere CROCIATI, combattere per la sacra madre chiesa nel nome di Dio per debellare il male che ci circondava. Annuimmo e, prese le poche cose di necessità, in quanto come campagnoli non avevamo ricchezze se non la nostra terra, sellammo i cavalli e partimmo alla volta di Roma. Arrivati al cospetto del Vaticano, davanti ai generali, prestammo giuramento. Di li a poco io e il mio giovane fratello, soltanto 20 enne, partimmo per la prima battaglia in terra santa.

Fu cruenta e dura. Amici conosciuti nel tempo caduti con valore, ed io e mio fratello sopravvissuti alle fauci del nemico, sconfiggendoli e mentendo le linee. Il nostro valore e la nostra intelligenza fu notata dal generale dei generali, e ci chiamò a sè durante un banchetto di una sera di mezza estate. Ci parlò e ci disse di volerci mettere a capo di validi soldati, di una delle compagnie del grande Roberto di Normandia, uno dei sei grandi comandanti che guideranno tutti gli uomini nella grande battaglia di ASCALONA. Felici ed entusiasti, senza pensiero, come due ragazzini, io e mio fratello accettammo. Uscendo dalla tenda del generale, ci mettemmo le braccia sulle spalle, uno di fronte all’altro, scuotendoci e gioendo della grande notizia. Il giorno dopo cavalcammo come due fulmini per raggiungere Roberto di Normandia al suo accampamento. Arrivati a destinazione, presentate le credenziali e le referenze, Roberto di Normandia sorrise a voce alta e brindò ai due nuovi comandanti.

Mi chiese il nome e l’età, e la stessa cosa lo fece a mio fratello. “Io sono Alessandro da Tivoli e ho 35 anni”. Mio fratello rispose “Io sono Filippo da Tivoli, ho 20 anni e sarò l’ombra di mio fratello”. Roberto di Normandia, sorpreso della nostra età, ci congedò e ci disse di presentarci all’alba.
La mattina successiva, assieme a tutti i comandanti, guardammo il piano della battaglia, e dopo vari consigli espressi da tutti, me compreso, ci dividemmo i compiti. Noi con la nostra piccola compagnia, appostati al centro, dentro al bosco, avremmo dovuto intervenire al segnale di Roberto di Normandia. Dopo circa 6 ore di marcia, arrivammo nelle nostre posizioni, prendemmo posto. Io guardai mio fratello, cresciuto quasi di un anno, valoroso come una tigre, e abbracciandolo gli dissi “Dio è stato generoso con noi, abbiamo vissuto fino ad oggi. Se lui vorrà ci lascerà ancora su questa terra per continuare a servirlo, ma se in paradiso fosse richiesta la nostra presenza, spero di saper essere un ottimo fratello come lo sono stato per te qui. Io comunque non ti perderò di vista sul campo e se fosse necessario sacrificherò la mia vita per te.”

Dal mio viso iniziarono a scendere alcune lacrime, un misto di gioia per aver vissuto tanto con mio fratello, e di dolore nel pensare che uno di noi due potesse non rivedere più l’altro. Mio fratello, con un sorriso angelico, mi guardò e con voce calda e rilassata mi disse “Non temere fratello, Dio qualsiasi cosa decida, lo decide per renderci grandi”. Io rimasi ammutolito e spiazzato, ma sentii un brivido caldo che mi attraversò il cuore arrivando all’anima.
Passarono altre due ore, e si fremeva e ci si innervosiva per l’attesa. Guardai i miei compagni, mai considerati come soldati ma come fratelli, guardai Filippo, gli misi bene l’armatura di maglia d’acciaio sulla testa e gli infilai l’elmo della tigre. Alzai lo sguardo al cielo, vidi una notte molto scura, e una goccia mi scese sulla guancia. Da li a breve iniziò a piovere. Il freddo non si sentiva in quanto l’adrenalina nel corpo era alta e non ci faceva  provare le rigide temperature.

Vidi in lontananza dei bagliori. Erano frecce infuocate che il lato destro ed il lato sinistro scoccavano contro il misto esercito Egiziano- Etiope e contro il potente califfo Al Af dal Shaahan Shah, già incontrato dai crociati in altre battaglie. Roberto di Normandia arrivò e ordinò la carica. Come un branco di leoni e lupi ci scagliammo a spade elevate contro i fanti dell’opposta fazione. Non so dire quanti fendenti ho dato, ne quanti nemici ho ucciso; non so dire di quanti tagli avesse la mia pelle, di quanti colpi il mio corpo; ma so che durante quella battaglia successe qualcosa di irreparabile.

Non smettevo di guardare il mio giovane fratello, unica mia vita, e se lo vedevo in difficoltà, con forze e con la rabbia, mi facevo largo nella battaglia per andare al suo fianco a proteggerlo. Schiena contro schiena, come già altre volte era successo sui campi delle guerre. Ma ad un certo punto, udii un sibilo, quello di una potente freccia scoccata da un arco capace di uccidere da grande distanza, scagliata da chi ne aveva già scagliate a migliaia andando sempre a colpo sicuro. Cercai di capire da dove stava arrivando, e chi dovesse colpire, ma nonostante avessi una vista da lupo, con gli schizzi di fango sulla faccia che scendevano sugli occhi per la  pioggia non riuscivo.

Ero terrorizzato, ed ecco un colpo, una spinta ed un grido.

Finii a terra, mi girai immediatamente e vidi quello che non avrei mai voluto vedere, ciò che un fratello non vorrebbe mai pensare. Mio fratello mi spinse e prese lui la freccia diritta nel cuore al mio posto, salvandomi la vita.

A quel punto il mio urlo di rabbia, di dolore, di tristezza si levò nell’aria, spaventando chi era vicino a me, amici e nemici. Balzai in piedi e corsi da Filippo. Lui mi guardò, mi sorrise, e mi disse ” vedi fratello mio, Dio ha voluto me e non te a comandare un esercito fatto di angeli. Tu adesso mi avrai sempre al tuo fianco e nessuno mi porterà mai via da te  perchè nessuno potrà toglierti il mio ricordo dal cuore. Non essere triste per me, ma felice perchè andrò a compiere grandi cose in cielo. Ti voglio bene Alessandro. tu sei sempre stat……….” e mi sospirò tra le braccia. A quel punto lo adagiai nel fango, gli chiusi gli occhi e, accecato dalla bramosia di vendetta, assetato
del sangue dell’arciere, iniziai a volteggiare la mia spada, dalla lama ancora lucente nonostante il sangue dei morti.

Colpii continuamente i nemici, facendoli cadere come alberi abbattuti, con il mio scudo con l’aquila forgiata sopra, evitai almeno 10 frecce dell’uomo fino ad arrivare innanzi a lui. Lo guardai fisso negli occhi, e lui rise. E nella sua lingua per me incomprensibile disse parole continuando nella sua burlosa risata. Estrasse la sua spada, con fattezze diverse da quella degli altri soldati suoi amici, e si lanciò verso di me. Io non provavo più niente, non sentivo se qualcuno mi avesse ferito, non sentivo più la pioggia, non provavo più sensazioni, se non quella di vedere il sangue di colui che aveva ucciso parte della mia anima. La lotta fu cruenta e lunga, mi ferì più volte, ma non in modo mortale. Anche io lo ferì. E poi, durante un suo attimo di distrazione, avendo la mano forse guidata da Dio, inflissi il colpo decisivo. Lo vidi cadere, incredulo, tenendo con le mani la lama della mia spada. Spirò.

In quell’attimo esatto udii dietro di me delle urla ed esultanza. La battaglia in coincidenza era finita. I nemici si ritirarono. Avevamo vinto. Ma guardando il campo mi misi a piangere, per tutti i morti lasciati, i compagni, gli amici, e andai verso mio fratello. Lo presi in braccio e lo portai in parte, ove nessuno era presente. Pregai per lui, e piansi per diversi minuti.

Fui raggiunto da Roberto di Normandia, scese dal suo maestoso cavallo nero, si inginocchiò a fianco a me, pregò, e mi disse che mio fratello avrebbe avuto degna sepoltura. Lo ringraziai.

Il giorno dopo fu così.

Lo onorammo. e io rimasi solo, ma con lui sempre dentro di me dove non morirà mai. Da quel giorno affrontai altre battaglie, perdendo altri amici, fino a quando, ormai saggio con l’età, mi ritirai.

E i ricordi mi fecero compagnia fino alla fine dei miei giorni.

Scritto da Oxford Brogue

la sua pagina FB

Read moreTUTTO INIZIO’ TANTO TANTO TEMPO FA

ARCI BELLEZZA PROGRAMMA DI LUNEDI’ 30 NOVEMBRE – FANTASCIENZA

ARCI BELLEZZA PROGRAMMA DI LUNEDI' 30 NOVEMBRE - FANTASCIENZA

ARCI BELLEZZA PROGRAMMA DI LUNEDI’ 30 NOVEMBRE – FANTASCIENZA

Cultura è Bellezza

ARCI BELLEZZA PROGRAMMA DI LUNEDI' 30 NOVEMBRE - FANTASCIENZA

AI “LUNEDI’ DEL BELLEZZA” SERATA SULLA FANTASCIENZA CON LO SCRITTORE DARIO TONANI, INTERVENGONO GIUSEPPE LIPPI E FRANCO BRAMBILLA DELLA COLLANA “URANIA”

Lunedì 30 novembre “I Lunedì del Bellezza” incontrano la fantascienza, con una serata “sci-fi” con mostra fotografica e proiezioni.

Alle ore 21 incontro con lo scrittore Dario Tonani, autore della saga di “Mondo9”, edita da Mondadori ed acclamata in Italia e all’estero. Intervengono Giuseppe Lippi e Franco Brambilla, curatore e illustratore della collana “Urania”.

ARCI BELLEZZA PROGRAMMA DI LUNEDI' 30 NOVEMBRE - FANTASCIENZA

 

“I Lunedì del Bellezza”: una serie di concerti, spettacoli, film, incontri con personaggi di rilievo della scena culturale, milanese e non, su argomenti vari. Dal cinema al teatro, dalla musica all’arte, dalla letteratura alla storia, dalla scienza alla politica.

Presso il bellissimo scenario del salone del circolo ARCI Bellezza di via Bellezza, 16A a Milano si alterneranno, ogni lunedì sera, ospiti ed eventi, volti ed immagini, suoni, colori e sapori.

Dalle ore 20 sarà possibile cenare a prezzi popolari, molto spesso in compagnia degli ospiti del Lunedì (per prenotazioni 02-58319492).

Dopo le 21 i Lunedì del Bellezza entreranno nel vivo, cambiando veste di settimana in settimana. Dal concerto allo spettacolo teatrale, dalla serata cinematografica alla presentazione di un libro e al dibattito/intervista su argomenti vari.

Il Circolo Arci Bellezza

La pagina FB di Arci Bellezza

Per partecipare ai Lunedì è richiesta l’iscrizione annuale all’ARCI.

Per Info:
Gianluca Tizi
gianluca.tizi25@gmail.com
Tel. 327-3754558

 

PASSIONE PATTINAGGIO ARTISTICO

PASSIONE PATTINAGGIO ARTISTICO

PASSIONE PATTINAGGIO ARTISTICO

E’ uno spettacolo vedere la perfezione

 

Photo by TOSHIFUMI KITAMURA

Photo by The Asahi Shimbun via Getty Images

Elena Radionova 20 anni

Photo by Claudio Villa/Getty

Photo in evidenza @annalisa scaglia

Ti puo’ interessare

Head Amber Pattini da ghiaccio da donna per pattinaggio artistico

NESSUNO MI DICE NIENTE? DISCOTECA IN BELLEZZA!!!!

NESSUNO MI DICE NIENTE? DISCOTECA IN BELLEZZA!!!!

NESSUNO MI DICE NIENTE? DISCOTECA IN BELLEZZA!!!!

28 NOVEMBRE DALLE 22,00 DISCOTECA in bellezza all’Arci Bellezza!

Musica anni 60′ 70′ 80′ con DJ Gio’.

Giovani di ieri Donna Summer è stato da sempre il vostro sogno? E’ la serata giusta.

Se il 28 sera vuoi ballare sulle  canzoni preferite  manda la tua playlist per la serata a folknights@libero.it

per info e prenotazioni 339.3617616

Discoteca Bellezza all’Arci Bellezza

Per gli amanti della Disco Music anni  60′ 70′ 80′

Donna (10 CD)

GLI ASTRI DI SUSY GROSSI 8: QUARTO APPUNTAMENTO DI NOVEMBRE

GLI ASTRI DI SUSY GROSSI 8: QUARTO APPUNTAMENTO DI NOVEMBRE

GLI ASTRI DI SUSY GROSSI 8: QUARTO APPUNTAMENTO DI NOVEMBRE

Dal 23 al 29 di Novembre 2015

 

01) ARIETE

SENTIMENTI IN PRIMO PIANO.   L’intensità più importante della settimana dovrebbe basarsi sull’amore, sulla riconquista da parte tua di una confidenza a due che da qualche tempo ti sfugge. Devi incrementare tutte le situazioni che ti mettono vicino alla persona cara, devi dare la priorità alle situazioni a due piuttosto che alle situazioni di comunità e di maggiore disponibilità verso amici, parenti e gruppi vari. Metti in primissimo piano la tenerezza, che il partner ti chiede ma che tu stessa sei ansiosa di donare, perché sarà  la mossa più lungimirante suggerita dagli astri. In soldoni: dai ai sentimenti la priorità su tutto e su tutti,

2) TORO

VOLERE E’ FINALMENTE POTERE!!!   Saranno le contingenza pratiche a dare la loro concreta colorazione alle tue azioni di codesta settimana, sempre più mirate al benessere a alle conferme che sia Giove e sia Plutone intendono darti. Con la costruttiva tenacia che è uno dei pregi più rimarchevoli della tua natura, con la voglia di rendere vere le aspirazioni che ti animano, saprai lavorare al meglio allo scopo di dare consistenza e spessore ai tuoi sogni. Sapere che per te volere potrebbe corrispondere a un immediato sollievo dalle circostanze un po’ tirate e limitate degli ultimi periodi ti agevola, ti rinfranca e ti  rasserena.

3)  GEMELLI

RIMESCOLA LE CARTE.  Sei un poco sotto pressione, sei un poco troppo in balia di situazioni, personaggi, eventi che non riesci a governare e a gestire. Il carico di condizioni un tantino pesanti che ti sei allegramente assunta si rivela un tantino superiore alle tue stime e adesso è meglio che ti fermi un attimo, per discipli-nare meglio le forze, scegliere le priorità, aderire ad un modello meno disponibile e più guardingo. Hai detto troppi sì e adesso potresti non essere in condizioni di soddisfare tutte le richieste che da più parti, da troppe parti, ti giungono… Chia-mati fuori dalle situazioni meno urgenti, e rimescola le carte.

04) CANCRO

DIALOGO E TENEREZZA.  Le condizioni che proprio adesso ti richiedono attenzione e fermezza sono parecchie, non ultime quelle di natura sentimentale… Venere e Marte in Bilancia giusto ora ti sussurrano all’orecchio che in campo amoroso parecchie sono le situazioni da modificare e parecchie sono le tue esigenze affettive che in questa fase non vengono affatto né capite né soddisfatte… Plutone e Urano ti vorrebbero suggerire  prese di posizione estreme, radicali e polemiche, ma il tuo cuore stesso sa che non sarebbero sostenibili. Prova con il dialogo, con le proposte di una tenerezza che non ti verrà mai meno…

05) LEONE

CONFERMA LE TUE DOTI.  Bene con Urano arietino, progettuale e vigoroso nel sostenere le tue tesi, e benissimo con Sole, Saturno e Mercurio nel sagittario, terzo Segno di Fuoco come il tuo, che ti rendono più duttile ai suggerimenti delle stelle e più determinato nella realizzazione concreta di progetti futuribili, solidi e assai lungimiranti. Giove poi protegge il settore finanziario, fornendoti anche i mezzi per realizzare ciò che la tua feconda creatività ha attizzato. Credi in te stessa e punta parecchio sulle cose che ti tenta realizzare perché sei sulla strada gius-ta del successo e della conferma delle tue splendide doti.

06) VERGINE

LA FORTUNA AL TUO FIANCO.  L’anno è già agevolato dal fatto che è venuto a farti visita dall’estate Giove, e che il pianeta che gli antichi chiamavano La Grande Fortuna sarà tuo ospite fino all’estate prossima. Ma la vera ciliegina sulla torta è rappresentata dal fatto che Giove è in combutta positiva con il bel Plutone che da tempo sosta in Capricorno, per un connubio di rara potenza e di sfaccettati effetti, potenzianti e trascinanti. Gli eventi si susseguono e ti portano tutti nella direzione di una sensazione di sicurezza e di un’ottima capacità di gestire con mano ferma le favorevoli circostanze legate all’attualità. Reputati fortunatissima!!!

Read moreGLI ASTRI DI SUSY GROSSI 8: QUARTO APPUNTAMENTO DI NOVEMBRE

ARCI BELLEZZA LUNEDI’ 23 NOVEMBRE-BIANCA CASADY

ARCI BELLEZZA LUNEDI' 23 NOVEMBRE-BIANCA CASADY

ARCI BELLEZZA LUNEDI’ 23 NOVEMBRE-BIANCA CASADY

ARCI BELLEZZA LUNEDI' 23 NOVEMBRE-BIANCA CASADY

#Ocanerarock intervista #BiancaCasady

ViaAudio presenta Bianca Casady (Cocorosie) & the C.I.A. Costo del concerto: 15 euro.

All’Arci Bellezza, Bianca Casady, metà del celebre duo delle Cocorosie, “porta in Italia il suo nuovo progetto/spettacolo in cui mette in scena canzoni meravigliosamente costruite con una band, un danzatore e una bellissima parte video, dando vita ad un universo suggestivo, misterioso ed incredibilmente affascinante, sospeso fra teatro, musica e danza” (citando dal comunicato stampa…)

Arci Bellezza

Per info
Gianluca Tizi
“I Lunedì del Bellezza”
Tel. 327-3754558

Potrebbe interessarti

UNA FREDDA E AUTUNNALE DOMENICA POMERIGGIO

UNA FREDDA E AUTUNNALE DOMENICA POMERIGGIO

UNA FREDDA E AUTUNNALE DOMENICA POMERIGGIO

Fuori c’e’ un cielo terso e bellissimo, un po’ inusuale per una Milano solitamente grigia. Ma anche in questa città ci sono giornate meravigliose come oggi, 22 novembre, anche se e’ UNA FREDDA E AUTUNNALE DOMENICA POMERIGGIO

Nonostante il sole, preferisco starmene a casa, sotto il plaid, al calduccio delle mie quattro mura, con mia figlia il cane e il gatto.

Un tè caldo con aggiunta di un goccio di brandy per la tosse, quattro chiacchiere in totale relax…..e i piedi sul tavolino!

Foto di Veronica Carozzi

Puo’ interessarti

LA MILANO DI EXPO 2015

LA MILANO DI EXPO 2015

Oggi pomeriggio 20 novembre, fermata della 94 in via Carducci direzione S. Ambrogio

LA MILANO DI EXPO 2015
Via #Carducci fermata #94

Inizia a far freddo, inizia il dramma per i senza tetto. Lui era seduto per terra a disegnare su un cartoncino nero con a fianco il suo cane. Il cane e’ avvolto nella coperta rosa di pail!

Attaccato al suo fianco, stretto stretto, per affetto, per protezione, per sentire meno freddo.

La Milano di Expo 2015 e’ piena in ogni angolo e piazza di persone che dignitosamente chiedono qualche soldo. Li vedi gli ubriachi, vedi quelli rimasti senza lavoro,  quelli che non hanno nemmeno più’ una casa.  Pochi giorni fa un signore mi si e’ avvicinato e chiedendo scusa se disturbava, mi diceva che era senza tetto.

Poco tempo fa in Piazza Piemonte una signora con un cestino in mano vendeva centrini fatti all’uncinetto per 5 € l’uno. Qualche mese fa un’altra signora vendeva piccoli bouquet confezionati a mano per 2 €. Il confezionamento era un nastro molto ben annodato di raffia.

La dignita’ di non chiedere l’elemosina.

E’ pazzesco……nella Milano di Expo 2015

 

Ti può interessare

error: Contenuto protetto !!